Blondeflex – Illuminare il biondo

Ciao ragazze e bentornate sul nostro sito.
Oggi parliamo di una ricetta realizzata da una ragazza del gruppo Passione Naturale.
Era così utile che non ho potuto fare a meno di parlarne qui in modo da aiutare tante altre lettrici!

La ricetta di cui parliamo si chiama Blondeflex e ha lo scopo di far risaltare e illuminare i capelli chiari e medio-chiari.
Vediamo subito quali sono gli ingredienti per realizzarla:

  • 1 cucchiaio di gel di amido di mais (GAM)
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • 100ml di gel di riso
  • 1 bustina di camomilla
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaio di maschera per capelli bio
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 2 cucchiai di rabarbaro

Facciamo due precisazioni:
1) Rispettate le dosi della curcuma, perchè è super colorante e potreste rischiare il giallo Simpson!
2) Su alcune persone il rabarbaro può irritare la cute. Se è il vostro caso eliminatelo dalla ricetta.

Procedimento
Preparate l’infuso di camomilla con acqua calda. Quando è pronto aggiungete il gam.
In un altro pentolino preparate il gel di riso e, quando è pronto, unite la fecola di patate.
Quando entrambi saranno pronti uniteli in una ciotola, aggiungete lo zucchero, la maschera per i capelli, la curcuma e il rabarbaro. Mescolate tutto fino a ottenere una pappetta molto densa, come in foto.

Come si utilizza
Lavate accuratamente i capelli con uno shampoo con inci pulito e sciacquate con sola acqua. A questo punto spalmate il vostro blondeflex dalle radici alle punte.
Tenete in posa 2 ore, ricordandovi di coprire con una pellicola e/o con una cuffietta.
Trascorso il tempo necessario, sciacquate accuratamente e procedete al risciacquo acido.

Il consiglio
Per ottenere un effetto duraturo è consigliato farlo almeno 1 volta a settimana perchè, non contenendo lawsonia, il potere tintorio è leggero.

Il prima e il dopo.

La ricetta è di Giada Ardu.
L’articolo è stato scritto dalla moderatrice Valeria.
La ricetta e le foto sono sotto copyright ℗

2 Replies to “Blondeflex – Illuminare il biondo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *