Inulina e pantenolo: validi alleati per pelle e capelli

L’inulina, conosciuta anche come polisaccaride di fruttosio, è presente soprattutto nella cicoria e nel topinambur.
Questo attivo cosmetico dall’aspetto di una finissima polvere bianca, infatti, ha una naturale attività ammorbidente e condizionante data dagli zuccheri che la compongono per cui, è efficace nell’idratare la pelle e nel donare volume e morbidezza ai capelli i quali renderà ancor più lisci se di tal natura o senza effetto crespo, se di natura riccia.
Per tale motivo, potremmo facilmente utilizzarla semplicemente sciogliendola in acqua tiepida e  nella percentuale dell’1-2% per arricchire i nostri vari gel idratanti homemade tipo GAM (v. Gel di amido (GAM) ,  GSL (v.Gel di semi (Gsl, Gsp, Gsc), gel di aloe (v. , gel di aloe  gel aloe (v.Gel di aloe vera)  ,  aggiungerla all’impacco di hennè oppure ancora per arricchire la nostra acqua profumata  (v.Acqua profumata per capelli)  o intensificare il nostro spray (v.Spray Profumato Idratante con Glicerina).
Il pantenolo  è un precursore della vitamina B (pro vitamina B5) e viene usato soprattutto nella la rigenerazione cellulare della pelle e capelli.
E’ presente nei cereali integrali, lievito di birra, uova, carne…ed è molto importante per la salute di capelli, pelle e unghie.
Più precisamente, sui capelli  ha un effetto molto idratante (quindi anti doppie punte), ispessente (chiaramente non al pari della nostra amata hennè! ) e ne migliora la lucentezza e lo splendore.
La sua capacità di idratare profondamente e di lenire la pelle in modo delicato, lo rende particolarmente adatto anche all’utilizzo sulla pelle dei bambini nonché su pelle “provata” e sensibile tipo: post ceretta, post esposizione solare, acneica, irritata da punture di insetti.
Ancora, non è raro trovarlo nell’inci di smalti cd.indurenti o crema mani.
E’ idrosolubile e dunque particolarmente adatto ad essere inserito in sieri  per capelli o semplicemente per arricchire il nostro gel aloe homemade  (v.Gel di aloe vera) avendo cura chiaramente di diminuire la dose di acqua a seconda della quantità di attivo utilizzato (il suo utilizzo è in una percentuale del 2-5%).
Manuela