Gli Oli essenziali e i quattro elementi

Gli oli essenziali sono prodotti estratti in modo meccanico, ovvero la spremitura a freddo, o con il processo di distillazione, da circa trenta famiglie di piante che comprendono circa novanta specie.
Sono molto abbondanti in alcune famiglie vegetali e la quantità dipende dalla specie, dal clima e dal terreno.
Gli oe sono un prodotto relativamente moderno, in antichità avveniva l’estrazione a vapore che non permetteva di isolare gli oli, ma di ricavare le acque aromatiche, con il progredire della tecnologia invece è stato possibile isolare gli oli.
Gli oli essenziali sono contenuti in varie parti della pianta:
·        Sommità fiorite per lavanda, rosmarino e timo
·        Fiori per la camomilla, arancio, gelsomino e violetta
·        Foglie per basilico, eucalipto e verbena
·        Frutti per anice, finocchio, pepe, ginepro, vaniglia
·        Scorza per arancio, bergamotto, limone
·        Radici e rizomi per zenzero, iris e curcuma
La maggior parte delle piante essenziere sono utilizzate anche come prodotto erboristico ma le proprietà degli oe non sono sempre corrispondenti alle proprietà erboristiche.
Gli oli essenziali vengono utilizzati in aromaterapia, per assorbimento epidermico tramite olio vettore (argan, avocado, cocco, canapa, ricino, sesamo, mandorle etc.), e per assunzione orale sotto stretto controllo medico.
Pur essendo chiamati oli la loro struttura molecolare e consistenza è molto diversa dai normali oli vegetali. Sono sostanze di composizione assai complessa che rappresentano la parte migliore della pianta. Sono solubili in alcool e olio ma non in acqua.   
Gli oli essenziali se usati correttamente dispensano straordinari benefici. Adeguatamente diluiti hanno potere di penetrazione nei tessuti senza provocare fenomeni indesiderati. 
La propagazione in aromaterapia dona benefici a livello ormonale, emozionale e del sistema nervoso.
GLI OLI ESSENZIALI E I QUATTRO ELEMENTI
 ARIA
Gli oli essenziali dell’Aria sono veloci, lavorano molto sulla testa, alleggeriscono i pensieri ed hanno un buon effetto sul sistema nervoso. Gli agrumi appartengono a questo elemento ed è noto il loro effetto antidepressivo

Arancio amaro (Citrus auratium L. – buccia dei frutti)
Bergamotto (Citrus x bergamia L.)
Lemongrass o Citronella (Cymbopogon flexuosus)
Limone (Citrus x limon (L.) Burman)
Mandarino (Citrus reticolata L.)
Menta (Mentha spp.)
Mirto (Myrtus communis L.)
Neroli (Citrus auratium L. – boccioli dei fiori)
Pompelmo (Citrus paradisi L.)

 FUOCO
Gli oli essenziali del Fuoco sono caldi, molto attivi, appartengono a spezie ed aromatiche e sono dei potenti bio-attivanti.
Alloro (Laurus nobilis L.)
Basilico (Ocimum basilicum L.)
Cannella (Cinnamomun zeylanicum)
Ginepro (Juniperus communis L.)
Incenso (Boswellia carteri Birdw.)
Spirea (Spirea ulmaria L.)
Rosmarino (Rosmarinus officinalis L.)
Timo selvatico (Thymus serpyllum L.)
Zenzero (Zingiber officinale Roscoe)

ACQUA
Gli oli essenziali dell’Acqua appartengono soprattutto ai fiori, sono amabili e seducenti, confortanti, come gli spiriti che caratterizzano questo elemento, decisamente femminile.
Benzoino (Styrax tonkinensis)
Cacao (Theobroma cacao)
Camomilla comune (Matricaria recutita L.)
Gelsomino (Jasminum grandiflorum)
Geranio (Pelargonium graveolens)
Melissa (Melissa officinalis L.)
Palmarosa (Cymbopogon martinii)
Rosa (Rosa damascena L., R. gallica L., R. gallica var. centifoglia (L.) Regel)
Salvia (Salvia officinalis L.)
Vaniglia (Vacilla pianifolia)
Ylang-Ylang (Cananga odorata)

TERRA
Gli oli essenziali della Terra sono pesanti e persistenti, appartengono a legni, resine e radici.
Achillea (Achillea millefolium L.)
Cedro (Cedrus atlantica)
Elicriso (Helycrisum italicum (Roth) G. Don)
Finocchio (Foeniculum vulgare Mill.)
Mirra (Commiphora molmol)
Patchouli (Pogostemon cablin (blanco) Benth)
Pepe nero (Piper nigrum)
Vetiver (Vetiveria zizanoides)