I burri vegetali

Di oli e burri utilizzati per la cura dei capelli abbiamo già parlato nel dettaglio in un articolo, che vi invito a leggere, che spiega i pro ed i contro legati all’utilizzo di sostanze grasse sulle nostre chiome e della differenza sostanziale tra oli (prevalentemente insaturi, ad eccezione del cocco) e burri (prevalentemente saturi).

Abbiamo anche visto che, da un punto di vista chimico:

  • gli oli sono esteri della glicerina con acidi grassi prevalentemente insaturi con tendenza a rimanere sempre liquidi anche alle basse temperature e si presentano essenzialmente come grassi monoinsaturi (esempio tipico l’olio di oliva) e come grassi polinsaturi (es. l’olio lino),
  • i burri vegetali sono esteri della glicerina con acidi grassi per lo più saturi che si presentano pastosi a temperatura ambiente con un punto di fusione non superiore a 50°C.

Questa differenza si rivela fondamentale, soprattutto in considerazione dell’obiettivo che ci si prefigge di raggiungere utilizzando sostanze grasse sui capelli, che in breve si potrebbe riassumere così:

  • per apportare nutrimento al capello, si consiglia di utilizzare grassi saturi perché aventi un ridotto potere solvente, quindi oli saturi come il cocco e burri vegetali,
  • per sgrassare i capelli, si consiglia di grassi insaturi, perché aventi maggior potere solvente, quindi tutti gli oli ad eccezione del cocco, da applicare su capelli asciutti.

In buona sostanza, quanto sopra esposto spiegherebbe perché in linea generale, per apportare nutrimento alle nostre chiome, spesso si riscontri una maggior tolleranza dei burri rispetto agli oli, anche se alcuni di essi tendono ad essere apprezzati comunque dalla maggioranza delle persone, basta ricordare il cocco, vinaccioli ed avocado.

Resta ferma, invece, la regola generale di effettuare impacchi a base di oli e burri sotto forma di impacco esclusivamente pre-shampoo perché la sola acqua non è in grado di rimuovere in alcun modo le sostanze a base oleosa.

Oggi, invece parliamo un po’ nel dettaglio dei diversi burri vegetali che, al pari degli oli, possono essere utilizzati, oltre che per la cura dei capelli, per il trattamento della pelle di viso e corpo.

Piccola precisazione, spesso sui siti di materie prime si legge che il burro tal dei tanti idrata la pelle, non è del tutto corretto, il burro (e l’olio) non hanno funzione idratante, non contenendo una quota acquosa, ma aiutano a mantenere l’idratazione della pelle, se applicati su cute umida, agendo da barriera con gli agenti atmosferici.

Andiamo quindi a conoscere i burri vegetali più diffusi e le loro specifiche proprietà, fermo restando che il burro vegetale dovrebbe essere scelto puro e vergine o grezzo (ossia non raffinato), meglio ancora se di origine biologica.

Albicocca

Prunus Armeniaca Kerneil oil

Il Burro di Albicocca è estratto dai noccioli dell’albero Prunus armeniaca e possiede le naturali proprietà cosmetico del ben più famoso olio di albicocca: è infatti idratante, lenitivo, addolcente, stimola la rigenerazione epiteliale ed estremamente indicato per la cura delle pelli mature e sensibili.

Ricco di antiossidanti, di vitamina A ed E, di potassio e di acidi grassi essenziali (oleico e linoleico), è altamente emolliente e favorisce il mantenimento dell’elasticità cutanea e stimolando la produzione di sebo risulta utile anche per pelli miste o secche.

Estremamente leggero da spalmare, unge poco e si assorbe subito e dona alla pelle un bellissimo effetto illuminante.

Ottimo ingrediente nutriente anche per la cura dei capelli, in particolare per quelli fini e fragili.

Può essere perfettamente inserito nelle preparazioni cosmetiche di creme, maschere capillari, lip balm, burri corpo, saponi e prodotti per capelli.

Aloe vera

Si tratta di un burro prevalentemente proposto dagli e-store francesi, prodotto mediante estrazione di Aloe Vera con una frazione di grassi di cocco, fino ad ottenere un morbido burro che si scioglia a contatto con la pelle.

Si tratta infatti di un burro semi-solido, che si scioglie facilmente a contatto con la pelle e che, grazie al suo basso punto di fusione, può essere applicato direttamente sulla pelle e capelli.

Il burro di aloe vera offre i vantaggi di entrambi gli estratti vegetali: fornisce rapida idratazione e protezione alla pelle secca, è rinfrescante e rivitalizzante per la pelle e lenisce la cute sensibile od irritata in caso di eczema, psoriasi, rosacea, lievi scottature solari o di screpolature.

E’ ideale per la cura della pelle secca, sensibile, disidratata ed aggredita dal sole e dal vento e per il trattamento dei capelli danneggiati.

Può essere utilizzato sia per la cura di e corpo che come impacco per i capelli.

Ben si presta ad essere integrato nella preparazione dei vostri cosmetici (crema o gel massaggio, lozioni idratanti e creme, saponi).

Argan

Si tratta di un prodotto, anche in questo caso prevalentemente proposto dagli e-store francesi, ottenuto dalla miscelazione di burri ed oli vegetali ed è uno dei segreti di bellezza delle donne marocchine.

Generalmente è composto da olio di Argan, olio di sesamo, cera d’api, vitamina E, ed in alcuni casi anche da qualche goccia di olio essenziale di lavanda, lavorato a temperatura ambiente per preservare le qualità dei suoi componenti.

Ha pertanto una composizione in acidi grassi estremamente interessante: acido stearico, acido palmitico, acido oleico, acido linoleico.

Ideale per la cura della pelle, che nutre e protegge in profondità, soprattutto se irritata o screpolata (fantastico sui talloni post estate), ben si presta all’utilizzo sui capelli, soprattutto se secchi e danneggiati.

Avocado

Persea gratissima, Persea americana

Ottenuto, al pari del ben più famoso olio vegetale, per estrazione a freddo (e successiva idrogenazione per dargli la caratteristica consistenza solida) dalla polpa del frutto dell’albero di Avocado, pianta originaria del Messico e del Sud America, è un dono meraviglioso della Natura per le sue innumerevoli proprietà cosmetiche.

Non a caso, il frutto di avocado era già noto al popolo Azteco che ne utilizzava la polpa per proteggere la pelle dalla disidratazione causata dal vento e sui capelli per promuovere la crescita.

Ricco di carotenoidi (precursori della vitamina A), di vitamina E ed acidi grassi, quali acido oleico, acido palmitico, acido palmitoleico, acido linoleico (precursore degli Omega 6) e alfa-linoleico (precursori degli Omega 3), trova ampio utilizzo in cosmetica per le ottime proprietà nutrienti, rigeneranti, eudermiche e sebosimili, che lo rendono indicato soprattutto per la cura delle pelli secche, devitalizzate, disidratate od irritate.

In grado di promuovere la sintesi di collagene, stimola il rinnovamento cutaneo, incrementando l’idratazione e l’elasticità della pelle, svolgendo così un’importante azione anti-age e di contrasto alla formazione delle smagliature.

Per la cura del viso, può essere applicato in purezza, in sostituzione della crema abituale, soprattutto nella zona perioculare.

Sul corpo, grazie alle sue proprietà fortemente elasticizzanti, ideali per combattere smagliature e pelle secca, può essere applicato sulla pelle umida post doccia, in modo da favorirne l’assorbimento.

Il burro di avocado è anche un valido alleato anche per la cura dei capelli secchi, sfibrati e crespi, in particolare se afro, cui conferisce luminosità e morbidezza.

Può essere abbinato in tal senso all’olio di cocco per un’intensa azione nutriente.

Babassu

Orbignya Oleifera Seed Oil, Orbignya Oleifera.

Ottenuto dalla pressione meccanica dei frutti della omonima palma, originaria del Rio delle Amazzoni, e successivamente raffinato senza prodotti chimici né solventi, grazie alla sua specifica composizione naturale, ricca quasi esclusivamente di trigliceridi, ha una stabilità eccezionale: a temperatura ambiente si presenta come un solido morbido, ma applicato alla pelle si scioglie immediatamente e penetra abbastanza rapidamente.

Questo burro è conosciuto per le sue proprietà anti infiammatorie, consente di mantenere l’idratazione della pelle ed è particolarmente indicato per la cura delle pelli sensibili ed irritate, nonché, grazie alla sua concentrazione di tocotrienolo, aiuta a combattere l’invecchiamento cutaneo ed a combattere i radicali liberi, svolgendo un’importante azione anti-age ed è particolarmente consigliato per le pelli mature.

E’ altamente penetrante e non lascia sensazione di unto sulla pelle, grazie alla sua elevata concentrazione di acido laurico, e non risulta comedogeno.

Consigliato nella produzione homemade di sapone, è perfetto per la cura dei capelli afro, cui dona forza e lucentezza e ne previene la disidratazione.

Cacao

Theobroma cacao

Ottenuto per estrazione dai semi di cacao, grazie al processo sviluppato dall’olandese Van Houten (che ha dato il suo nome al famoso marchio di cacao in polvere), a partire dal XIX secolo, il burro di cacao ha iniziato ad essere utilizzato per le applicazioni farmaceutiche e nell’industria alimentare, per la preparazione di cioccolato, biscotti e prodotti da forno.

Ricco di acidi grassi, fantastici idratanti naturali ed antiossidanti che aiutano a combattere i radicali liberi, riduce le smagliature e le cicatrici e, grazie alla teobromina, ha un riconosciuto effetto lipolitico, promuovendo la degradazione dei lipidi negli adipociti. È altresì noto per la sua capacità di agevolare la cicatrizzazione delle ferite e di lenire le scottature solari, aiutando a mantenere idrata la pelle screpolata e secca.

E’ sicuro anche sulle pelli più sensibili ed è particolarmente adatto per la cura delle labbra.

Il profumo del burro di cacao è molto intenso e supera il profumo di tutti gli oli essenziali, si consiglia pertanto di utilizzarlo in purezza, senza aggiuntivi.

Può essere utilizzato per la cura dei capelli, in particolar modo se ricci e crespi, previo trattamento a bagnomaria per renderlo spalmabile.

Si consiglia di privilegiare il burro vergine, ottenuto a freddo e non filtrato, rispetto a quello pressato a caldo, spesso impiegato in cucina e cosmesi, e di utilizzarlo facendo sciogliere la quantità necessaria a bagnomaria.

Caffè

Coffea Arabica

Ottenuto per effetto dell’idrogenazione dell’olio pressato a freddo, estratto dai semi di caffè tostato con altri oli vegetali, il burro di caffè è caratterizzato da buona stabilità ossidativa e una buona setosità, si tratta infatti di un burro semi-morbido.

In ambito cosmetico, l’estratto di caffè è notoriamente utilizzato per le sue proprietà di stimolare la circolazione ed aiutare la lipolisi, prevalentemente in prodotti utili a contrastare l’odiosa cellulite: il caffè contiene infatti enzimi (acido clorogenico caffeico, fenolico) e cafferina in grado di stimolare il processo di disintossicazione.

Tradizionalmente, il caffè veniva utilizzato dalle popolazioni indigene per realizzare scrub corpo, grazie alle sue proprietà esfolianti, mentre gli estratti della pianta erano utilizzati per accelerare il processo di guarigione di tagli ed abrasioni e per il trattamento della pelle secca.

Il burro di caffè, dal caratteristico profumo aromatico di caffè appena tostato, è ricco di fitosteroli che hanno la capacità di trattenere l’umidità e rigenerare la pelle danneggiata, è inoltre un ottimo equilibrante viso in quanto ha lo stesso pH della cute (4.5) ed è utile in caso di acne e macchie cutanee, ha un interessante funzione anti-age grazie agli antiossidanti contenuti.

Può essere utilizzato puro per la cura di pelle e capelli, che aiuta a rendere setosi.

E’ inoltre una materia prima interessante per la produzione di saponi, lozioni, creme, balsami per labbra, ecc.

Cocco

Cocus nocifera

Estratto dalla polpa della Noce di cocco, che cresce spontaneamente nelle aree tropicali, è meno famoso dell’olio di cocco, ma non meno interessante.

Di colore avorio, ha proprietà sono simili a quelle dell’olio, ed è ricco di acidi grassi saturi, con un’evidente differenza in termini di sapore, molto più dolce rispetto all’olio, in in quanto contiene anche il latte e la polpa del cocco.

Il burro di cocco svolge un’azione dolcemente stimolante del metabolismo ed è infatti ampiamente utilizzato in cucina, soprattutto per i dolci, e grazie alle sue qualità altamente nutritive ed energetiche è molto apprezzato dagli sportivi.

In campo cosmetico, il burro di cocco è utilizzato soprattutto per la realizzazione di saponi, shampoo e bagnodoccia.

Può essere inoltre utilizzato puro come crema corpo e per fare lo scrub oppure applicato sui capelli al pari del cugino olio.

Cupuacu

Theobroma Grandiflorum

Ottenuto dalla spremitura meccanica dei frutti essiccati dell’albero di Cupuacu, pianta spontanea tipica della foresta amazzonica brasiliana, se grezzo è caratterizzato da una colorazione giallina, se raffinato al fine di aumentarne la durata da una colorazione bianca, e da una profumazione delicata ed impercettibile.

Ricco di fitosteroli, particolarmente utili in caso di pelle secca e/o danneggiata, e di polifenoli, che aiutano a combattere i radicali liberi, nonché di acidi grassi essenziali, svolge un’importante azione anti-age, contribuisce a mantenere l’idratazione della pelle e ne migliora l’elasticità, svolgendo anche un’attività anti-infiammatoria.

Si presenta come un burro cremoso ed emolliente, dalla stesura piacevole, dona morbidezza a pelle e capelli, favorendo il recupero della sua naturale idratazione ed elasticità.

Cupuacu rappresenta oggi una alternativa Green alla lanolina, poichè ha la capacità di attirare acqua e ha una funzione molto più efficace come idratante della pelle.

Noto per la sua capacità di assorbire i raggi del sole, può essere utilizzato per la cura dei capelli in estate.

Karitè

Shea Butter

Del burro di karitè () abbiamo già parlato in un apposito articolo che vi consiglio di leggere, perché si tratta di un vero dono della Natura, dai molteplici utilizzi in cosmesi.

Burro di Kombo

Angolensis Pycnanthus

Ottenuto per pressione dalla semi della noce di Kombo, pianta che cresce spontaneamente in Africa, prevalentemente in Ghana, nota come “Noce moscata africana”, è un burro caratterizzato dal colore scuro e l’aroma fruttato se grezzo, molto apprezzato per le sue proprietà anti-infiammatorie ed antidolorifiche.

E’ estremamente importante assicurarsi di comprare il burro grezzo, in quanto i suoi attivi vengono persi con la raffinazione.

Fonte di acido Myristoleate, che è il precursore del Myristoleate cetilico (OCM), noto antidolorifico potente e modulatore del sistema immunitario, questo burro è spesso utilizzato, anche in abbinamento ad olii essenziali, per il trattamento di dolori muscolari ed articolari e nella pratica sportiva per trattare le lesioni e l’affaticamento muscolare.

La texture è granulosa e burrosa, si consiglia pertanto di scioglierlo a bagnomaria, anche in abbinamento ad altri burri vegetali, quali karitè e cacao per ottenere un burro corpo ricco e nutriente.

Ha buone proprietà antiossidanti ed è ideale per la cura della pelle secca od irritata. Si conserva per 2 anni in frigorifero.

Burro di Kokum

Indica Garcinia

Burro ottenuto dalla estrazione a freddo dei semi di questo albero sempreverde dalla polpa dei frutti della Garcinia Indica, pianta spontanea che cresce solo nelle foreste pluviali dell’India occidentale, è caratterizzato da un colorito giallo-marrone marmorizzato con un profumo leggero di terra (se raffinato è invece di colore bianco ed inodore, per cui attenzione a cosa acquistate).

Ricco di acidi grassi essenziali, che aiutano l’ossigenazione delle cellule e l’assorbimento delle sostanze nutritive, contiene anche antiossidanti (vitamina E), questo burro è caratterizzato da una composizione bilanciata di acido stearico, acido palmitico e oleico ed è frequentemente utilizzato in cosmesi per la produzione di balsami omogenei, al posto karitè.

Ideale in estate post esposizione solare per mantenere l’idratazione della pelle e ridurre la desquamazione o la secchezza

E’ tradizionalmente utilizzato in India per la cura della pelle, in particolare se secca, screpolata e callosa.

Ha eccellenti proprietà emollienti, che aiutano la rigenerazione della pelle e si assorbe velocemente senza lasciare una sensazione di unto, particolarmente indicato per la della pelle stanca e disidratata, di cui migliora l’elasticità.

Può essere applicato direttamente sulla pelle nel suo stato solido, ma è necessario riscaldarlo per migliorare l’applicabilità, non ha effetto comedogeno.

Ottimo per l’applicazione locale sulle screpolature di labbra e mani.

Ideale anche per la cura dei capelli afro, che rende lucidi e vigorosi, ed è particolarmente indicato per i capelli secchi e/o danneggiati.

Si tratta di un burro secco e squamoso, se comprato grezzo, ed è un prodotto eccezionalmente stabile, dalla durata media di circa due anni (se conservato in luogo fresco), che lo rendono estremamente adatto per le formulazioni complesse, sostituto del burro di cacao per la sua composizione di trigliceridi uniforme, ideale per la produzione di rossetti e balsami e, in aggiunta ad altri emollienti, per la produzione di saponette, burri corpo e creme.

Da rilevare che la polpa ed i semi essiccati di Kokum in India trovano ampio utilizzo nella cucina tradizionale, come spezia nella preparazione del curry e per la produzione di sciroppi e bevande analcoliche per infusione.

Burro di Illipé (o di Sal)

Shorea macrophylla e Shorea Stenoptera

Ottenuto dalla lavorazione della pasta grassa naturalmente contenuta nei semi delle due piante del genere Shorea, diffuse in Malesia ed Indonesia ed in particolare nel Borneo, con una lavorazione molto simile a quella del burro di karitè. Dopo l’estrazione è di colore verde, una volta raffinato fino ad ottenere un colore bianco.

Dall’aspetto denso e colore che varia dal bianco pallido all’avorio, talvolta rosato, ed una profumazione che ricorda lontanamente le noci, il burro di illipé è apprezzato per le sue proprietà nutrienti ed elasticizzanti, del tutto paragonabili a quelle del burro di cacao, può essere utilizzato per integrarlo o sostituirlo.

Ricco di acidi grassi (acido palmitico, stearico, oleico, linoleico, arachidonico), previene la secchezza cutanea ed è un buon cicatrizzante, è benefico per il trattamento della pelle e per i capelli e particolarmente utile nel trattamento delle pelli mature o cronicamente secche poichè rinforza la barriera lipidica della pelle e aiuta a mantenere l’idratazione.

Ideale per proteggere dal freddo le pelli sensibili, per mantenere l’idratazione della pelle secca e screpolata, aiuta a combattere gli insesstetismi della cellulite, ad attenuare rossori, dermatiti e scottature, migliora la microcircolazione e rallenta l’invecchiamento cutaneo.

Il suo utilizzo principale rimane però quello di burro da massaggio, grazie al fatto di essere anti-infiammatorio e molto penetrante, seppur senza regalare una sensazione di untuosità. E’ per tale ragione largamente utilizzato in estetica per trattamenti rivolti alla cura del corpo e per ammorbidire i calli di piedi e mani. Si presta bene ad essere unito ad altri oli e burri vegetali.

Il burro di illipé è, inoltre, particolarmente utile per la cura dei capelli, soprattutto se secchi, crespi, danneggiati e con doppie punte, essendo nutriente ed emolliente ed in grado di ridare vitalità e lucentezza ai capelli.

E’ altresì ampliamente utilizzato nell’azienda cosmetica per la sua capacità di rendere più consistenti i balsami ed è in tal senso utilizzato al posto del burro di cacao, per realizzare prodotti più delicati o in cui l’aroma del cacao stonerebbe.

Molto popolare in cosmetica per le sue proprietà emollienti, ha il vantaggio di essere inodore e di consentire lo sviluppo di emulsioni molto stabili, è per esempio utilizzato per la realizzazione di creme nutrienti, prodotti solari, maschere capelli, e balsami per labbra.

E’ conosciuto anche con il nome di burro di Sal (Shorea Robusta Butter Seed) si ottiene dal seme dell’Albero Sal coltivato in India centro-orientale.

Nei negozi etnici è spesso disponibili il burro ad uso alimentare, che si presta solo parzialmente all’uso cosmetico. Occorre prestare attenzione però che non si tratti del burro ottenuto dalla Madhuca longifolia, pianta tradizionalmente utilizzata in India a scopo medicinale, alimentare e cosmetico: si tratta infatti di un burro del tutto diverso da quello descritto, chiamato anche burro di Illipè indiano o Burro di Mowrah.

Online è reperibile con il nome di “sal butter”, “Shorea macrophylla butter”, “Shorea Stenoptera butter”, “Shorea Robusta butter”, occorre però prestare attenzione alla destinazione d’suo (alimentare o cosmetico), meglio ancora se nell’INCI è riportato il termine “seed” che sta a significare che il burro si ricava dal seme della pianta.

Negli ultimi anni, grazie alla maggiore sensibilità da parte dei consumatori nei confronti dell’olio di palma, se ne sta diffondendo l’utilizzo in campo alimentare come addensante, nei prodotti da forno, apprezzato per la sua compattezza, la sua neutralità (sia di odore che di colore) la sua stabilità ad alte temperature e la sua leggerezza, che lo rendono un’ottima alternativa al burro di cacao.

Mandorla

Prunus dulcis var

Ottenuto dalla estrazione a freddo, in modo da mantenere inalterati i principi nutritivi della mandorla, del kernel che si trova all’interno del frutto di mandorla, al pari del ben più famoso olio, rispetto al quale ha una consistenza più spessa, ricca e vellutata, è ideale da applicare in purezza su pelle e capelli grazie alle sue proprietà lenitive ed emollienti.

Questo burro è ricco di acidi grassi monoinsaturi, calcio, potassio, ferro e manganese, vitamina B, fosforo e rame, è una fonte eccellente di vitamina E e fornisce un’azione di nutrizione e di ristrutturazione alla pelle ed impedisce i segni dell’invecchiamento.

Grazie alla sua consistenza burrosa, è perfetto come burro per il massaggio. Nella cura della pelle, può essere usato da solo o miscelato con altri ingredienti, comprese poche gocce di olio essenziale che possono servire per donare un delizioso profumo, è estremamente indicato per le pelli sensibili, secche e screpolate.

Adatto per essere inserito quale parte grassa nelle diverse preparazioni cosmetiche.

Come noto la mandorla è utilizzata in cosmesi principalmente sotto forma di olio, molto nutriente ed emolliente, particolarmente apprezzato dagli egizi per preparare unguenti per massaggi a base di miele, vino aromatico e cannella miele.

Mango

Mangifera Indica Seed Butter

Ottenuto per spremitura a pressione a freddo dal seme contenuto nel frutto del Mango, albero nativo della zona compresa tra India e Birmania, oggi coltivato in tutti i paesi tropicali, questo burro può giustamente essere considerato un piacere assoluto per la cura di pelle e capelli.

Dall’aspetto morbido a temperatura ambiente ed il colore giallo tenue, in ambito cosmetico questo burro è particolarmente apprezzato per le sue proprietà emollienti e per il fatto di rendere la pelle liscia e compatta ed i capelli morbidi e lucenti.

Per la sua composizione ricca di acidi grassi, vitamine e minerali, combinati alle sue proprietà antiossidanti e cicatrizzanti, è l’ideale per la cura delle pelli secche o danneggiate dal sole od irritate ed aiuta a contrastare l’invecchiamento cutaneo.

Particolarmente indicato per, applicato con parsimonia, per la cura dei capelli danneggiati o crespi, cui dona lucentezza ai capelli contrastando la formazione di doppie punte.

Come noto il frutto carnoso del mango è molto apprezzato in cucina per il suo sapore dolce piacevole e per il suo alto apporto energetico e ricchezza in vitamina.

Monoi

Cocos nucifera e fiori di Gardenia tahitensis

Ottenuto dall’immersione di boccioli di Tiarè, non ancora aperti, in olio di cocco, lasciati a macerare per una quindicina di giorni, in modo che possano cedere tutte le loro proprietà all’olio, si trasforma nell’incomparabile Monoi di Tahiti, tutelato dalla Denominazione di Origine Controllata.

Il termine Monoi significa in lingua polinesiana proprio olio profumato e nasce come estratto oleoso del fiore di Gardenia taitensis, il famoso Tiarè taitiano, usato dalle Vahines (le affascinanti donne polinesiane).

Questo olio/burro è utilizzato tradizionalmente per proteggere, mantenere l’idratazione, ammorbidire la pelle ed i capelli, applicato sulla pelle dopo l’esposizione solare dona un magnifico color ambrato all’abbronzatura lasciando la pelle morbida ed idratata.

Applicato quotidianamente dopo la doccia, o diluito nell’acqua della vasca per un caldo aromatico bagno emolliente, dona alla pelle, specialmente se secca e disidratata, una straordinaria morbidezza e setosità.

Ideale per la cura della pelle anche nei primi mesi di vita dei neonati, che a Tahiti vengono oleati quotidianamente dalla testa ai piedi per proteggere la loro pelle delicata.

Ottimo, anche applicato sui capelli per proteggersi dalle aggressioni atmosferiche e dai raggi solari, è semplicemente meraviglioso come impacco pre shampoo per donare alla capigliatura lucentezza, morbidezza e setosità.

Può essere utilizzato puro e si stende facilmente perché è sufficiente il calore delle mani a permetterne la stesura.

Murumuru

Murumuru Astrocaryum

Ottenuto per estrazione a freddo dai semi contenuti nel frutto della palma Murumuru Astrocaryum, comunemente nota come Murumuru o Muru Muru, originaria del Rio delle Amazzoni, è un burro morbido, dal colore ambrato, con un lieve aroma che ricorda la nocciola, e leggermente acidulo.

Ricca di acido laurico, miristico, acido palmitico, acido stearico, acido oleico e acido linoleico, ha un basso indice di irrancidimento, grazie alla presenza di acidi grassi saturi a catena corta, e può essere miscelato con altri burri vegetali.

Simile all’olio di cocco, è noto per le sue proprietà anti-infiammatorie e battericida, in particolare il suo ricco contenuto di acido oleico lo rende perfetto per la funzione nutriente e per la reintegrazione della barriera lipidica della pelle.

Essendo un ottimo emolliente, aiuta infatti la pelle a trattenere l’acqua, creando una pellicola protettiva, e questa sua caratteristica lo rende la scelta ideale per la pelle secca.

Ricco di acido laurique e dall’elevata affinità con le proteine dei capelli, è fantastico per la cura dei capelli secchi e danneggiati, crespi od opachi ed è molto amato dalle ragazze dai capelli afro.

In cosmesi, oggi, è utilizzato, in basse percentuali, in shampoo, balsami, trattamenti per capelli e per le sue eccezionali capacità nutrienti e per la realizzazione di rossetti.

Oliva

Olea europaea (Olive) Fruit Oil e olio vegetale idrogenato

Ottenuto dalla spremitura a freddo di olive selezionate pressate (combinando in sostanza a freddo olio d’oliva vergine ad una frazione di olio d’oliva ricca di acidi grassi saturi ed insaponificabili), questo burro esalta le ben note proprietà dell’olio d’oliva e presenta eccellenti proprietà emollienti ed antiossidanti.

Burro di colore bianco, dalla texture intensa e tocco morbido e pastoso, l’oliva rappresenta un buon sostituto al burro di karitè, in quanto possiede molte delle stesse caratteristiche, e grazie agli acidi grassi essenziali ed insaponificabili contenuti naturalmente, è un ingrediente essenziale per i prodotti anti-età.

Si trova in particolare nella regione del Mediterraneo e possiede tutte le qualità naturali dell’olio di oliva, che rappresenta l’olio più ricco di acido oleico e di composti insaponificabili, polifenoli e vitamina E, che gli conferiscono un elevato potere antiossidante, nonché virtù lenitive e protettive, utili per affrontare le ingiurie del tempo e del sole.

Il burro di oliva vanta eccezionali proprietà cosmetiche, utili per la cura della pelle e dei capelli: favoloso antirughe naturale, ideale per la cura della pelle sensibile, irritata, secca e matura, caratterizzato da una spalmabilità eccellente, che lo rende adatto ad essere utilizzato come burro massaggio, è perfetto per il trattamento dei capelli secchi e danneggiati.

Può essere aggiunto alle preparazioni cosmetiche, quali sapone, creme, lozioni, balsami per labbra, burri corpo, pomate, prodotti per capelli, balsami labbra.

Semi di Canapa

Cannabis sativa

Ottenuto unendo frazioni di grassi e insaponificabili di olio di canapa pressato a freddo con olio di semi di canapa idrogenato ottenuto da semi di canapa non sterilizzato, il burro di semi di Canapa è di colore verde intenso e come consistenza simile al karitè.

Eccezionalmente ricco di acidi grassi essenziali, che nutrono la pelle ed aiutano a ridurre la perdita di idratazione, può essere applicato tranquillamente sulla pelle del viso, senza timore di andare incontro ad una sensazione di unto e senza ostruire i pori della pelle.

Perfetto per alleviare i sintomi di eczema, nutre intensamente la pelle ed è l’ideale per il trattamento delle aree più ruvide di gomiti e talloni.

Può essere utilizzato nelle preparazioni cosmetiche per realizzare creme, lozioni, saponi, balsami per labbra e altre formulazioni per la pelle secca, irritata o danneggiata.

Soia

Burro consistente ma che si scioglie facilmente, dal tipico colore bianco, è oggi popolare nei prodotti cosmetici grazie alla sua capacità di appianare le rughe e di attenuare le macchie della pelle.

Ricco di vitamina E, un antiossidante che idrata la pelle e fornisce la protezione contro gli agenti atmosferici, di acidi grassi omega-3, che proteggono la pelle e favoriscono i processi di guarigione naturale e di isoflavoni, antiossidanti naturali, che combattono i radicali liberi e prevengono il processo di invecchiamento della pelle, il burro di soia è un eccezionale anti-age ed un valido aiuto per la prevenzione delle rughe.

Ideale per la reidratazione della pelle, soprattutto se secca, disidratata e danneggiata, si spalma facilmente sulla cute e può essere utilizzato come burro da massaggio o balsamo corpo, ben si presta ad essere utilizzato per la cura dei capelli, cui assicura condizionamento e lucentezza.

Può essere utilizzato puro od in formulazioni cosmetiche, quali lipbalm, lozioni, creme corpo, saponi e prodotti per capelli.

Tucumã

Tucumã Astrocaryum

Ottenuto dalla spremitura a freddo del seme della palma Tucumã, una pianta originaria del Brasile, questo burro si presenta solido a temperatura ambiente, ma si scioglie a contatto con la pelle, il che lo rende ideale da utilizzare come burro o balsamo massaggio per il corpo.

Ricco di acido miristico, laurico, palmitico ed oleico, è considerato un ottimo emolliente e ammorbidente per la pelle e è dotato di un discreto fattore di protezione solare (SPF4) e con valide proprietà antiossidanti, grazie all’alto contenuto di vitamina A.

Aumenta la lucentezza dei capelli secchi, danneggiati e agisce come una coccola per rivitalizzare i capelli stressati e danneggiati.

Può essere aggiunto nelle preparazioni cosmetiche, a saponi, creme, lozioni, burri corpo, balsami, maschere e ed utilizzato in prodotti per cura dei capelli, per il condizionamento e la lucentezza.

Info tecniche dagli e-store in cui è possibile acquistare materie prime cosmetiche